Category: Esobiologia

Ott 11

Tabby, un poliziesco in chiave stellare – MEDIA INAF

C’è un mistero che avvolge, letteralmente, la stella di Tabby. Scartate le megastrutture aliene come causa delle sue ingenti e rapidissime variazioni di luminosità, le ricercatrici e i ricercatori che indagano sul caso passano al setaccio tutti i possibili fenomeni sospettati… Sorgente: Tabby, un poliziesco in chiave stellare

Ott 04

La Formazione dei Pianeti Rocciosi è Universale – Universo Astronomia

Da molto tempo gli scienziati sono interessati alle profonde similitudini rivelate dalle superfici di corpi rocciosi nel Sistema Solare, al di là delle storie vulcaniche e tettoniche differenti. Ora gli scienziati hanno individuato un processo universale di raffreddamento dei pianeti rocciosi in grado di spiegare le caratteristiche comuni osservabili.Un team di scienziati della NASA, dell’Hampton …

Continua a leggere »

Set 22

E.T. in poltrona con vista sulla Terra | MEDIA INAF

Un team di scienziati della Queen’s University di Belfast e del Max Planck Institute ha capovolto i termini della caccia agli esopianeti. Lo studio, pubblicato su Mnras, individua i mondi alieni che potrebbero osservarci transitare davanti al Sole Sorgente: E.T. in poltrona con vista sulla Terra | MEDIA INAF

Set 21

Composti organici primordiali nel cuore di Chury | MEDIA INAF

La proposta di due ricercatori francesi: i materiali organici racchiusi nel nucleo della cometa 67P Churyumov-Gerasimenko potrebbero essere più antichi dello stesso sistema solare. Lo studio è stato pubblicato su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society Sorgente: Composti organici primordiali nel cuore di Chury | MEDIA INAF

Set 11

Trappist-1, quei pianeti perdono acqua | MEDIA INAF

Osservazioni recenti condotte con il telescopio spaziale Hubble suggeriscono la presenza di acqua nell’atmosfera di molti dei sette pianeti nel sistema Trappist-1. Una scoperta che rafforza la candidatura di questo sistema a luogo privilegiato per la ricerca di un mondo abitabile Sorgente: Trappist-1, quei pianeti perdono acqua

Set 01

Oceani alieni nell’occhio del James Webb | MEDIA INAF

Tra le prime mansioni del James Webb Space Telescope, che verrà lanciato a ottobre 2018, ci sarà quella di osservare due tra le più interessanti lune del nostro Sistema solare: Europa ed Encelado. In orbita, rispettivamente, attorno a Giove e a Saturno, posseggono entrambe grandi oceani sotterranei: candidati ideali per la ricerca di forme di …

Continua a leggere »

Ago 23

Contrordine: il sottosuolo lunare è arido | MEDIA INAF

Neanche un mese è passato dalla pubblicazione di una ricerca che ha individuato acqua in (relativa) abbondanza nel mantello lunare. Ora la nuova analisi di una particolare roccia lunare, soprannominata “Rusty Rock” per la presenza superficiale di sali metallici, ribadisce invece che la Luna deve avere perso acqua e composti volatili all’epoca in cui era …

Continua a leggere »

Ago 03

Quant’è dura mantenere una buona atmosfera | MEDIA INAF

Un nuovo studio sponsorizzato dall’Istituto di astrobiologia della Nasa rivela che Proxima Centauri b, un esopianeta di dimensioni simili alla Terra nella zona abitabile di una stella nana rossa, potrebbe non essere affatto in grado di mantenersi stretta un’eventuale atmosfera, lasciando la superficie del pianeta in balia alla nociva radiazione stellare e riducendone il potenziale …

Continua a leggere »

Lug 26

Gocce di Luna | MEDIA INAF

Il nostro satellite ha un mantello umido. Una nuova ricerca guidata da geologi della Brown University ha confermato che nelle rocce vulcaniche della Luna è presente una quantità d’acqua non dissimile a quella contenuta in basalti terrestri. L’origine dell’acqua lunare rimane ancora controversa Sorgente: Gocce di Luna | MEDIA INAF Salva

Giu 20

Kepler a quota 4034 | MEDIA INAF

La missione dedicata all’identificazione dei potenziali pianeti al di fuori del Sistema solare fa un ulteriore balzo in avanti, spostando l’asticella oltre quota 4000. Di essi, 10 nuovi candidati potrebbero essere simili per dimensioni alla Terra e trovarsi nella cosiddetta fascia di abitabilità. Il commento della ricercatrice Inaf Isabella Pagano Sorgente: Kepler a quota 4034 …

Continua a leggere »