«

»

Set 12

Dal radio al gamma, la Crab senza più segreti | Media Inaf

Questa immagine composta della Nebulosa del Granchio è stata assemblata con una scala di colori arbitraria combinando i dati di cinque telescopi che ricoprono quasi l’intero spettro elettromagnetico: l’emissione radio che rappresenta il vento di particelle cariche dalla stella di neutroni centrale in rosso (dal Karl G. Jansky Very Large Array), l’infrarosso che include il bagliore della polvere che assorbe ultravioletto e luce visibile in giallo (dallo Spitzer Space Telescope), la luce visibile con la struttura filamentare in verde (da Hubble Space Telescope), l’immagine ultravioletta in blu e l’immagine a raggi X in viola mostrano l’effetto degli elettroni accelerati (da Xmm-Newton Observatory e Chandra X-ray Observatory). Crediti: Nasa, Esa, Nrao/Aui/Nsf e G. Dubner (University of Buenos Aires)

Un nuovo modello descrive il comportamento delle particelle ad alta energia emesse dalle vestigia delle esplosioni di supernova e spiega le osservazioni astronomiche su un intervallo di energia sorprendentemente largo. Il modello suggerisce che gli scienziati ancora non comprendono i processi all’origine dei raggi cosmici

Sorgente: Dal radio al gamma, la Crab senza più segreti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: