Dic 14

La stella che cadde nel buco nero rotante | MEDIA INAF

Quello che si credeva il lampo di supernova più luminoso mai registrato sembra invece essere il frutto di un evento ancora più estremo e raro: un buco nero in rapida rotazione che riduce a brandelli una stella che gli si è avvicinata troppo. Lo studio, a cui ha partecipato Nancy Elias-Rosa dell’INAF, è stato pubblicato sul primo numero di Nature Astronomy.

Il 14 giugno 2015, il campionamento a tutto cielo per rilevare supernove denominato ASAS-SN, dall’inglese All Sky Automated Survey for SuperNovae, rilevò l’accensione di un puntino luminoso all’interno di un’anonima galassia a 3.8 miliardi di anni luce.
Un evento transiente di inusuale potenza, denominato ASASSN-15lh e classificato come una supernova superluminosa (o ipernova), l’esplosione cioè di una stella molto massiccia alla fine della propria vita. La sua luminosità di picco risultò 20 volte maggiore della luce totale prodotta dalla Via Lattea, il doppio del precedente record, facendo di ASASSN-15lh la supernova più brillante mai osservata.
Con il commento di Massimo Della Valle (INAF)

Sorgente: La stella che cadde nel buco nero rotante | MEDIA INAF

Lascia un commento

Your email address will not be published.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: