«

»

Feb 01

Pianeti e comete colorano il cielo di febbraio – Spazio & Astronomia – Scienza&Tecnica – ANSA.it

Pianeti e comete colorano il cielo di febbraio. La spettacolare sfilata dei pianeti, rileva l’Unione Astrofili Italiani (Uai), continua infatti ad essere ben visibile almeno fino alla metà del mese. Saturno, Giove, Marte e Venere restano allineati, anche se per ammirarli si dovrà essere disposti ad alzarsi davvero molto presto, prima dell’alba.
Mancherà presto all’appello soltanto Mercurio: se all’inizio del mese è ancora possibile cercare di individuarlo al mattino presto, a partire dal 7 febbraio l’intervallo di tempo tra il sorgere del Sole e il sorgere di Mercurio si riduce sempre più e a breve sarà di fatto impossibile osservarlo.
La Luna continuerà a salutare ognuno dei pianeti: il primo febbraio si avvicina a Marte, il 4 a Saturno e il 6 a Venere. Una sottilissima falce di Luna sarà appena sotto Mercurio il 7 febbraio, per salutarlo prima che ‘scompaia’.

Se l’allineamento dei pianeti richiederà ancora delle alzatacce, Giove verrà incontro ai meno mattinieri. Dopo molte settimane in cui la sera non era visibile nessun pianeta, rilevano gli astrofili della Uai, finalmente potremo vedere Giove già nel corso della prima parte della notte. Il suo sorgere, infatti, anticipa sempre più e potremo facilmente individuarlo ad Est, vicino al limite tra le costellazioni del Leone e della Vergine.

Febbraio è un buon mese anche per gli appassionati di comete, che potranno ancora seguire la Catalina, che ci ha salutato a Natale e a Capodanno, e la X1 Panstarrs. Nessuna delle due sarà però visibile ad occhio nudo e per poterle ammirare è indispensabile il telescopio.

Pianeti di Febbraio 2016 : Le immagini nella colonna di destra mostrano lo spostamento mensile del pianeta nel cielo. Cliccando sulle stesse si aprirà una versione a maggiore risoluzione.

Mercurio: all’inizio del mese si verificano condizioni abbastanza favorevoli per tentare di individuare il pianeta al mattino presto. Mercurio sorge infatti quasi un’ora e mezza prima del Sole e si trova quindi basso sull’orizzonte orientale tra le prime luci dell’alba. La massima elongazione mattutina, con una distanza angolare di 25° 33’ dal Sole, viene raggiunta il 7 febbraio. Nelle settimane successive l’intervallo di tempo tra il sorgere del Sole e il sorgere di Mercurio si riduce sempre più, fino a diventare di circa mezz’ora negli ultimi giorni di febbraio, rendendo Mercurio di fatto inosservabile.
Venere: all’inizio di febbraio Venere sorge meno di 2 ore prima del Sole. Nelle settimane successive questo intervallo si riduce a circa un’ora. Il pianeta, sempre molto brillante, sarà però sempre più basso sull’orizzonte ad Est, appena più alto in cielo rispetto a Mercurio. Il 17 febbraio Venere lascia il Sagittario a fa il suo ingresso nella costellazione del Capricorno.
Marte: le condizioni di osservabilità del pianeta rosso rimangono molto simili a quelle del mese precedente. Un leggero anticipo nell’orario del suo sorgere farà si che a fine mese già intorno all’una di notte Marte compaia sull’orizzonte orientale. Lo si può seguire nel corso della seconda parte della notte mentre si eleva a Sud – Est , fino a culminare a Sud prima del sorgere del Sole. Marte rimane per tutto il mese nella costellazione della Bilancia.
Giove: per il pianeta gigante si avvicina il periodo di migliore osservabilità, che raggiungerà il culmine il mese prossimo con l’opposizione al Sole. Anticipando sempre più il proprio sorgere, alla fine del mese Giove sarà già osservabile ad Est nelle prime ore della notte e potremo seguirlo nelle ore successive fino a vederlo prossimo al tramonto ad occidente quando il cielo è già chiaro per le luci dell’alba. Giove si sposta lentamente con moto retrogrado all’interno della costellazione del Leone, allontanandosi dal limite con la Vergine.
Saturno: il pianeta è osservabile a Sud-Est nelle ore che precedono l’alba. Saturno si eleva in cielo fino al sopraggiungere della luce dell’alba che illumina il cielo poco prima della culminazione a Sud del pianeta. Saturno rimane per tutto l’anno nella costellazione dell’Ofiuco: lo si può individuare facilmente a Est di Antares, la stella più luminosa dello Scorpione.
Urano: è ancora possibile vedere il pianeta nelle ore successive al tramonto. Al calare dell’oscurità Urano è già piuttosto basso sull’orizzonte occidentale e l’intervallo di tempo disponibile per individuarlo decresce sempre più. La luminosità di Urano è al limite della visibilità ad occhio nudo e per poterlo osservare è consigliabile l’uso di un telescopio. Il pianeta si trova ancora nella costellazione dei Pesci, non lontano dal limite inferiore, vicino al confine con la costellazione della Balena.
Nettuno: il pianeta è ormai inosservabile. Già estremamente basso sull’orizzonte all’inizio del mese, nei giorni seguenti diventa impossibile da individuare, data la piccola distanza angolare dal Sole, che si annulla il 28 febbraio, giorno della congiunzione con la nostra stella. Dovremo attendere alcune settimane per rivedere il pianeta al mattino, prima dell’alba. Nettuno si trova ancora nella costellazione dell’Acquario, dove è destinato a rimanere per un periodo estremamente lungo, fino all’anno 2022.
Plutone La IAU (International Astronomical Union), ha istituito (giugno 2008) la classe dei Plutoidi. Abbiamo comunque ritenuto opportuno mantenere nella nostra rubrica Plutone, capostipite di questa nuova categoria di membri del sistema solare.Dopo la congiunzione con il Sole che si è verificata nei primi giorni di gennaio, Plutone si ripresenta al mattino poco prima del sorgere del Sole, ancora molto basso sull’orizzonte a Sud-Est. Essendo la sua luminosità estremamente bassa è necessario l’ausilio di un telescopio di adeguata potenza per riuscire ad osservarlo. Plutone è ancora nel Sagittario, costellazione che lo ospiterà fino all’anno 2023.

Sorgente: Pianeti e comete colorano il cielo di febbraio – Spazio & Astronomia – Scienza&Tecnica – ANSA.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: