Archivio Tag: ASI

Set 14

Fonte d’energia inattesa per le aurore di Giove | MEDIA INAF

Uno studio pubblicato su Nature spiega che le aurore su Giove si comportano in modo diverso rispetto a quelle terrestri. Nuove osservazioni, effettuate grazie allo spettrografo ultravioletto in dotazione alla sonda Juno della Nasa hanno dimostrato che – contrariamente a quello che ci si aspettava – i processi di formazione delle aurore gioviane più intense …

Continua a leggere »

Set 12

Nature Astronomy dedica un numero a Cassini | MEDIA INAF

Per celebrare il Grand Finale della sonda Nasa, la rivista dedicata all’astronomia del gruppo Nature ha invitato 12 scienziati della missione e un editor a commentare altrettante immagini. Fra loro anche Gianrico Filacchione dell’Inaf Iaps di Roma, la cui scelta è caduta sulla celebre “ll giorno in cui la Terra sorrise” Sorgente: Nature Astronomy dedica …

Continua a leggere »

Set 08

Saturno aspetta Cassini | MEDIA INAF

L’occasione è ghiotta: osservare, anche solo ad occhio nudo, lo splendido pianeta dagli anelli, ancora ben visibile nelle sere di questo mese. E lì, il 15 settembre, si concluderà la strepitosa missione Cassini, che ci ha regalato una mole di informazioni su Saturno senza precedenti.   Sorgente: Saturno aspetta Cassini | MEDIA INAF

Set 08

Anche Srt seguirà il tuffo di Cassini | MEDIA INAF

L’Agenzia spaziale italiana inaugura un nuovo filone di attività del radiotelescopio sardo Srt acquisendo il segnale dalla sonda orbitante intorno a Saturno Sorgente: Anche Srt seguirà il tuffo di Cassini | MEDIA INAF

Set 04

Il cielo di settembre 2017 – INAF TV

Il cielo serale di settembre ci offre ancora la possibilità di ammirare il pianeta Saturno. E’ facile individuarlo ad occhio nudo, verso sud basso sul far della sera, per tramontare nelle prime ore della notte a sud ovest. E lì ai confini del Sistema solare, a un miliardo e mezzo di chilometri da noi, il …

Continua a leggere »

Lug 31

Astro Paolo sulla rampa di lancio | MEDIA INAF

Al via la terza missione di Paolo Nespoli sulla Stazione spaziale internazionale. Il lancio è previsto per le 17.41 ora italiana di oggi, venerdì 28 luglio, ed è possibile seguirlo in diretta sul canale streaming AsiTv dell’Agenzia spaziale italiana Sorgente: Astro Paolo sulla rampa di lancio | MEDIA INAF

Giu 08

Un istante prima di Ligo, Agile ha visto qualcosa | MEDIA INAF

In concomitanza con l’onda gravitazionale del 4 gennaio scorso, circa mezzo secondo prima, il piccolo satellite italiano ha registrato un segnale debole ma interessante. «Potrebbe essere associato all’evento Gw170104, e la conferma potrebbe venire dalla rivelazione combinata di più satelliti», dice Marco Tavani a Media Inaf Sorgente: Un istante prima di Ligo, Agile ha visto …

Continua a leggere »

Video

Agile, un successo italiano | MEDIA INAF

In 10 anni Agile, telescopio spaziale interamente made in Italy, ha fatto più di 50mila volte il giro della Terra e conseguito risultati scientifici fondamentali. Un successo che è anche frutto della competenza dell’industria italiana che ha dovuto affrontare e risolvere, insieme ai soliti problemi tecnici, anche delicati problemi politici, diplomatici e commerciali. Su Media Inaf, con il consenso dell’autrice, vi riproponiamo l’articolo di Patrizia Caraveo pubblicato domenica scorsa sul Sole24Ore.

Sorgente: Agile, un successo italiano | MEDIA INAF

Video

Grand Finale tra gli anelli | MEDIA INAF

Il 22 aprile l’addio a Titano, con l’ultimo sorvolo sulla Luna. Oggi, mercoledì 26 aprile, l’attraversamento della terra di nessuno tra Saturno e l’inizio degli anelli, celebrato anche da Google con il doodle del giorno. Su Media Inaf, con il consenso dell’autrice, vi riproponiamo l’articolo di Patrizia Caraveo pubblicato domenica scorsa sul Sole24Ore

Sorgente: Grand Finale tra gli anelli | MEDIA INAF

Mar 17

Encelado, strato caldo sotto la coperta di ghiaccio | MEDIA INAF

Le osservazioni del 2011 effettuate dalla sonda Cassini hanno rivelato che la regione polare meridionale è più calda del previsto sotto la sua superficie ghiacciata: ciò suggerisce che il calore viene prodotto e trasportato proprio sotto la crosta e l’oceano sotterraneo potrebbe essere pochi chilometri al di sotto Sorgente: Encelado, strato caldo sotto la coperta …

Continua a leggere »

Post precedenti «