Return to RELATORI

Walter Ferreri, INAF/OATo – La grande opposizione di Marte del 2018

Walter Ferreri
INAF/OATo

La grande opposizione di Marte del 2018

PRESENTAZIONE IN .PPTX

Diametri apparenti di Marte durante le ultime opposizioni

Fig.1 – Diametri apparenti di Marte durante le ultime opposizioni

Il termine opposizione, significa che il Sole, la Terra e Marte (o un qualsiasi altro pianeta) formano un segmento con il nostro pianeta nel centro (vedi figura 2).

Opposizioni di Marte

Fig.2 – Opposizioni di Marte

Se osserviamo la figura 3 dobbiamo solo immaginare   che si verifichi un’opposizione sulla linea marcata 0°, e una successiva lungo la linea marcata 180°. Ovviamente nel primo caso vi sono le condizioni migliori per l’osservazione (ed il lancio di satelliti) in quanto i due pianeti si trovano più vicini che nel secondo caso.

Orbite dei pianeti rocciosi del sistema solare

Fig.3 – Orbite dei pianeti rocciosi del sistema solare

Grande Opposizione. Il caso più favorevole, naturalmente, è quando la terra incontra Marte lungo la retta dell’asse maggiore dell’orbita marziana, perchè in questo caso il pianeta rosso si trova al suo perielio (punto dell’orbita più vicino al Sole). L’ultima G.O. si verifico’ il 28 Agosto 2003, quando il pianeta rosso si avvicino’ fino alla distanza di 0,373 UA (circa 55,8 milioni di Km). La prossima avverra’ invece il 1 Agosto 2018, col massimo avvicinamento fra i due pianeti pari a 0,386 UA (circa 57,7 milioni di Km), mentre per la successiva bisognera’ aspettare addirittura il 15 Settembre 2035 (0,382 UA = 57,1 milioni di km circa).