Return to LISTA PARTECIPANTI

Ma quante code hanno le comete?

Silvio Giordano
INAF- OATo

Ma quante code hanno le comete?

Le comete “sungrazers”, ovvero osservate nel loro passaggio ravvicinato al Sole, al quale raramente sopravvivono.
Esse costituiscono un utile strumento per studiare la corona solare in regioni altrimenti irraggiungibili e per comprendere meccanismi fisici a cui vanno incontro questi corpi celesti nell’interazione con il vento solare.
Verranno presentati alcuni enigmi sorti da osservazioni con sonde spaziali e brevemente i metodi che si stanno utilizzando per cercare di risolverli